______________________________________

Cos’è?

La cessione del credito è la possibilità, riconosciuta dall’articolo 121 del DL 34/2020 di optare, in alternativa alla detrazione fiscale:

  • per un contributo, sotto forma di sconto sul corrispettivo dovuto, anticipato dal fornitore di beni e servizi relativi agli interventi agevolati (SCONTO IN FATTURA): il cliente paga solo la differenza;
  • per la cessione di un credito d’imposta corrispondente alla detrazione spettante, ad altri soggetti, ivi inclusi istituti di credito e altri intermediari finanziari (CESSIONE A TERZI): il cliente paga l’intero ammontare e successivamente cede il credito.

La cessione si concretizza mediante comunicazione telematica all’Agenzia delle Entrate che deve essere effettuata entro il 16 marzo dell’anno successivo a quello in cui sono state sostenute le spese che danno diritto alla detrazione.
È previsto, inoltre, la possibilità di esercitare l’opzione per la cessione del credito anche per le rate residue non ancora fruite.

______________________________________

Interventi per i quali è possibile optare per la cessione del credito

  • Recupero del patrimonio edilizio: interventi di manutenzione straordinaria, di restauro e risanamento conservativo e di ristrutturazione edilizia effettuati sulle singole unità immobiliari nonché di manutenzione ordinaria effettuati sulle parti comuni degli edifici;
  • Efficienza energetica;
  • Adozione di misure antisismiche;
  • Realizzazione box pertinenziale;
  • Recupero o restauro della facciata degli edifici esistenti;
  • Installazione di impianti fotovoltaici;
  • Superamento ed eliminazione di barriere architettoniche;
  • Installazione di colonnine per la ricarica dei veicoli elettrici se eseguiti contestualmente a interventi trainanti Superbonus.

Cosa è escluso:

  • Altri interventi detraibili ma non rientranti in quelli riconducibili alle lettere a), b) o d) comma 1 art. 16-bis TUIR. Esempio: misure prevenzione atti illeciti (antifurto) e opere volte ad evitare infortuni domestici;
  • Bonus verde;
  • Bonus mobili.

______________________________________

Soggetti aventi diritto alla cessione del credito

Possono usufruire della cessione del credito tutti i soggetti che hanno redditi imponibili, indipendentemente dalla situazione di capienza/incapienza fiscale. Ad esempio rientrano negli aventi diritto i pensionati aventi la pensione minima, coloro che sono nel regime forfettario e i proprietari della sola abitazione principale.

È quindi un’opzione che permette anche a chi non paga IRPEF di recuperare ciò che non riuscirebbero a fare in sede di dichiarazione dei redditi.

______________________________________

Novità legge bilancio 2022

Per prevenire comportamenti fraudolenti, al fine di usufruire della cessione del credito (o sconto in fattura) la legge di Bilancio 2022 ha introdotto l’obbligo di visto di conformità e di asseverazione di un tecnico abilitato che attesti la congruità dei costi in caso di:

  • interventi con spesa complessiva superiore a 10000 € necessitanti di abilitazioni amministrative (CILA, SCIA …);
  • interventi per i quali si intende usufruire del “bonus facciate”, a prescindere da importo di spesa e abilitazioni amministrative.

VISTO DI CONFORMITA’
Può essere rilasciato da un Centro di Assistenza fiscale o a un professionista abilitato.

ASSEVERAZIONE CONGRUITA’ DEI COSTI
Si tratta di un’asseverazione che deve essere rilasciata da un tecnico abilitato per accertare che il prezzo dei beni utilizzati nell’intervento sia in linea con quanto stabilito dai vari “prezziari” riconosciuti.

CAF ACLI TI AIUTA!

Presso gli sportelli di CAF ACLI BERGAMO troverai l’assistenza per ottenere il Visto di conformità nei casi in cui è obbligatorio.
Potrai richiedere anche un appuntamento di consulenza preliminare per verificare la possibilità di accedere alle agevolazioni previsti.

Tariffe:

  • Credito ceduto fino a 4.000 €: 80 €
  • Credito ceduto da 4.000 a 10.000: 150 €
  • Credito ceduto oltre i 10.000: 220 €

CAF ACLI Bergamo può inoltre fare da intermediario alla trasmissione all’AdE nei casi in cui non ci sia l’obbligo del Visto.

Prenota un appuntamento: 035 0064064 – acli@acliservicebergamo.it

CONTATTI

Via Lattanzio Querena, 11
24122, Bergamo
Numero Unico: 0350064064
Partita IVA: 02760140166

INFORMAZIONI GENERALI:
acli@acliservicebergamo.it

3 + 14 =